L’Illuminazione del Presepio

 Come per gli ingombri, anche per quanto riguarda l’illuminazione bisogna essere in chiaro ancor prima di cominciare a costruire il presepio. Bisogna fin da subito sapere quante lampadine ci occorreranno, se vorremo che la scena sia illuminata a giorno o a notte, dove inserire le lampadine e che tipo di lampadine. Va tenuto in considerazione che se si usano lampade ad incandescenza o lampade al neon il colore cambia tonalità.

Bisogna ricordare di non commettere l’errore di mettere più di una luce ad illuminare direttamente il presepio, questo perché si creerebbero delle doppie ombre poco realistiche. Meglio se si mette una luce forte in primo piano sopra al presepio e altre dietro, sul fondo, magari dietro alle montagne, per illuminare il fondale e creando una luce indiretta su tutto il presepio.

 Ormai nel XXI° secolo si è arrivati a creare qualsiasi tipo di luce: arancione e tremolante per il fuoco, alternatori per creare il giorno e la notte, proiettori che permettono di riprodurre la luna, la stella comete gli angeli ecc. Non sono difficili da usare e con poche basi di elettronica si riescono a creare ambientazioni davvero suggestive.

 

Il cielo stellato

Per un cielo stellato le fibre ottiche sono lo strumento migliore.

Si fora il fondale (che sarà blu scuro) in più punti, dove vogliamo siano collocate le stelle. In questi fori infiliamo la fibra ottica che deve fuoriuscire al massimo 1 cm dal foro. Dietro al fondale il resto delle fibre e la lampada che le alimenta dovranno essere ben fissate per evitare movimenti che inciderebbero poi sulla riuscita del cielo.

 

 Esempio d’illuminazione di un grande presepio.

Sito web gratis da Beepworld
 
L'autore di questa pagina è responsabile per il contenuto in modo esclusivo!
Per contattarlo utilizza questo form!